La musica deve essere libera.

Libera dal mercato, dalla fama, dal successo, da ciò che il pubblico desidera, dall’intrattenimento superficiale, dall’ego degli artisti, dalla retorica della sofferenza e del genio sregolato; libera dalla ‘freschezza’ dei giovani e dall’ ‘esperienza’ dei vecchi, dagli stili e dai puristi di ogni genere, da chi impone il peso della propria tradizione, dai manuali di teoria, dai manierismi, dai conservatori, dal ‘giusto’ e dallo ‘sbagliato’.

Libera dalle conoscenze, dagli scambi di favori, dagli uffici stampa, dai manager, dagli agenti di booking, dai promoter, dal social marketing, dall’auto-promozione, dai presskit e dai demo; libera dal narcisismo, dalla necessità di auto-affermazione, di gratificazione sociale, di dimostrare la propria padronanza tecnica o la propria conoscenza; libera dalla pigrizia, dall’approssimazione, dalle scorciatoie dei furbi. Libera dai video, dalle immagini, dalle parole, dai testi, dai nomi e dai titoli.

Questo blog è un insieme di riflessioni scritte innanzitutto per me stesso, per giungere a tale libertà, per goderne e diventarne felice spettatore, per trovare una personale e realistica via di liberazione artistica.

Vista la natura personale di queste pagine, esse non si propongono come luogo di discussione – per questo non è possibile commentare gli articoli come invece avviene su altri blog – ma forse la loro lettura potrà suscitare ulteriori e più fruttuose riflessioni nei suoi visitatori. E’ quello che mi auguro.